All'ombra dei due campanili

Riflessione di Don Sergio

Rinascere per non avere paura della morte

La nostra vita è sempre un ripartire, un aprirsi alla novità.
E’ ciò che facciamo dopo l’estate: iniziamo un nuovo anno di lavoro, di scuola, di vita parrocchiale, di iniziative secondo gli interessi di ciascuno e così via.

Continua a leggere - chiudi

Con quale atteggiamento?
Non certo accantonando il passato, piuttosto, invece, facendo tesoro di quello che si è vissuto negli anni precedenti, sia nelle vicende favorevoli che in quelle avverse, ma con la speranza di qualcosa di nuovo.
Gesù è venuto sulla terra, dentro un popolo che aveva vissuto una storia accompagnata dalla presenza del Dio dell’Alleanza, che aveva sempre stimolato al rinnovamento, alla conversione in attesa del Messia Salvatore iniziatore di un tempo di trasformazione e di fecondità umana e spirituale, così come ci dice la pagina del profeta Isaia, nella prima lettura di questa domenica: “In noi sarà infuso uno spirito dall’alto: allora il deserto diventerà un giardino e il giardino sarà considerato una selva”.
San Paolo, scrivendo ai Romani, afferma che questa profezia si è compiuta: “L’amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato” , con un chiaro riferimento a Gesù, che dalla Croce ce lo ha donato e che attraverso il battesimo viene trasmesso ad ogni credente.
Proprio questo ha voluto dire Gesù a Nicodemo, nel colloquio notturno, riportato nel Vangelo di Giovanni di questa domenica: “Se uno non nasce da acqua e \Spirito, non può entrare nel regno di Dio”.
Qui sta la forza del nostro Battesimo: ci fa nascere ad una vita nuova per non morire più introducendoci nel regno di Dio, che Gesù ha iniziato e che noi siamo chiamati a costruire giorno dopo giorno in una relazione con Lui sempre nuova.
Era successo anche agli Apostoli, quando, la sera del giovedì santo, Gesù aveva pronunciato i discorsi di “addio”, non per interrompere la relazione con Lui, ma per continuarla in una conoscenza sempre nuova.
Con il battesimo entriamo in una condizione di relazione con Gesù, che trova la sua bellezza proprio nel rinnovarsi della vita spirituale (secondo lo Spirito), dando senso a tutto quello che viviamo, nella prospettiva della realizzazione della vocazione ricevuta e della costruzione del Regno di Dio.
La nostra Diocesi celebra oggi la Giornata di preghiera per il Seminario .
La nostra Comunità Pastorale è grata al Seminario perché in questi anni ha sempre avuto la presenza di seminaristi per l’animazione di diversi ambiti della Pastorale giovanile accompagnando anche gioiosamente don Angelo Papia all’ordinazione sacerdotale lo scorso mese di giugno.
Anche quest’anno, da questa domenica, avremo un seminarista di Terza teologia, che si chiama Claudio, nei fine settimana.
A noi il dovere di accoglierlo e di pregare per lui e per tutti i seminaristi, perché gli anni del discernimento siano animati dalla forza dello Spirito Santo per una progressiva conoscenza di Gesù, così da renderli capaci di rivivere in loro i suoi sentimentiri.
don Sergio


12 settembre2012 - Esposizione della statua della madonna in chiesa a Creva


febbraio 2013 'Processione per le vie cittadine'


Trovate per voi sul web
Steve Jobs

Steve Jobs è morto miliardario all'età di 56 anni di cancro al pancreas.
Le sue ultime parole nel letto del malato:
"Ho raggiunto l'apice del successo nel mondo degli affari. Agli occhi degli altri, la mia vita è l'epitome del successo. Tuttavia, a parte il lavoro, ho poca gioia.

Continua a leggere - chiudi

Alla fine, la ricchezza è solo un fatto della vita a cui sono abituato. In questo momento, sdraiato nel mio letto malato e ricordando tutta la mia vita, mi rendo conto che tutti i riconoscimenti e la ricchezza di cui ero così orgoglioso, sono impalliditi e diventati insignificanti di fronte alla morte imminente . Puoi assumere qualcuno che guidi la macchina per te, che guadagni soldi per te, ma non puoi avere qualcuno che porti la malattia per te. " Si possono trovare le cose materiali perse. Ma c'è una cosa che non si può mai trovare quando si perde la "Vita". Quando una persona entra nella sala operatoria, scoprirà che c'è un libro che non ha ancora finito di leggere "Libro di una vita sana". Qualunque sia la fase della vita in cui ci troviamo ora, alla fine affronteremo il giorno in cui calerà il sipario. Tesoro L'amore per la tua famiglia, l'amore per il tuo coniuge, l'amore per i tuoi amici sono molto importanti. Apprezza coloro che ti circondano. Man mano che cresciamo e, quindi, più saggi diventiamo, ci rendiamo lentamente conto che indossare un orologio da 300 dollari o un orologio da 30 dollari dicono entrambi la stessa ora... Se possediamo un portafoglio da 300 o 30 dollari , la quantità di denaro all'interno è la stessa; Che si guidi un'auto da 150.000 dollari o da 30.000 dollari, la strada e la distanza sono le stesse e si arriva alla stessa destinazione. Che si beva una bottiglia di vino da 300 dollari o da 10 dollari, la sbornia è la stessa; che la casa in cui viviamo sia di 300 metri quadrati o di 3000 metri quadrati, la solitudine è la stessa. Vi renderete conto che la vostra vera felicità interiore non viene dalle cose materiali di questo mondo. Che si voli in prima classe o in classe economica, se l'aereo va giù, va giù lo stesso. Pertanto... Spero che vi rendiate conto, quando avete compagni, amici e vecchi amici, fratelli e sorelle, con i quali chiacchierate, ridete, parlate, cantate canzoni,
parlate anche di piccole piccolezze-Apprezzateli perchè sono la cosa più preziosa che avete.

by oliba